Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie

Iscriviti
alla nostra
Newsletter!

Blizzard Concept

ANTOINE TERRIEUX
Giocoliere e mago. La sua passione per la giocoleria risale ai suoi lunghi anni di scuola superiore e universitaria. Fa la sua prima esperienza professionale con l'associazione “Jonglargonne” di Bordeaux e crea la compagnia “Tylos” (duetto di diabolo) con cui lavora in diversi paesi europei. Entra quindi al secondo anno di scuola professionale a Bordeaux e incontra Etienne Saglio. Insieme iniziano a lavorare ad un  progetto che unisce diabolo e magia che li avvicina molto al  mondo della prestigiazione. L'anno seguente entra a far parte della scuola professionale di «Le Lido» a Tolosa e della nuova formazione magica nel CNAC di Châlon en Champagne. Nel 2011 partecipa attivamente alla creazione del collettivo OSEA e dello spettacolo «Biz Biz Bang Bang», che sarà presentato in diversi paesi, in particolare in Sud America. Nel 2012, realizzano  Il cortometraggio che coinvolge diabolo e magia (con il supporto di Cie 14:20) e "A fur et à temps", una performance di giocoleria con clavette. Nel 2013 presenta un breve spettacolo di diabolo e magia al 34° festival mondiale del “circo di domani.”  Sempre nel 2013, assieme a Camille Vacher, artista di arti visive, inizia un nuovo progetto mescolando arte visiva e nuova magia intitolato «En Plein Vol ».

JULIEN MANDIER
Giocoliere, clown, stuntman. Ha passato i suoi primi 10 anni a saltellare sui campi da calcio. A 10 anni, per 4 anni, entra con la madre a far parte del  “Alexis Gruss Circus”. Studia musica, sia in Accademia, come studente da internato, alternando la vita del Circo,  sia come autodidatta. Si unisce quindi alla brigata di clown attivisti a La Rochelle. Dopo alcune apparizioni minori in teatro, nel 2008, si specializza come Clown presso la scuola "Piste d'Azur" a Cannes e "Le Lido" l'anno successivo. Nel 2011 partecipa alla creazione del collettivo  OSEA e dello spettacolo «Biz Biz Bang Bang» che gli consente di viaggiare in Francia, Israele e Sud America.

Media